Da Valore Salute


Incollati allo smartphone: è allarme vista!

D’estate aumenta il tempo in cui ci isoliamo dal mondo per informarci, chattare, prenotare un ristorante con gli occhi fissi sullo smartphone. Ore e ore sullo schermo che fanno male.  Lo ricorda Pasquale Troiano, primario di oculistica dell’Ospedale Sacra Famiglia Fatebenefratelli di Erba (Como): «se il soggetto ha un apparato visivo sano e perfettamente normale sul piano della motilità oculare e sul piano rifrattivo, non avrà alcun problema. Se, invece, il soggetto ha alterazioni dell’apparato visivo o della motilità oculare o della rifrazione che non sono stati individuati e corretti, allora ci saranno enormi problemi di affaticamento oculare» spiega l’esperto.

Aggiungendo, per l’estate, che «è sempre opportuno cercare di non prolungare l’osservazione per vicino facendo delle pause che non possono essere “smetto di usare il computer e uso il cellulare o viceversa”; la pausa deve prevedere la messa a riposo del sistema accomodativo (che essendo un sistema basato su muscoli è inevitabilmente destinato all’affaticamento) mediante lo spostamento della nostra osservazione a distanze superiori almeno a 3 metri (ancora meglio 6) come ad esempio guardare fuori da una finestra». L’astenopia è una sindrome caratterizzata da sintomi variegati che non si presentano sempre allo stesso modo in tutti i soggetti, tuttavia la irritabilità degli occhi e la cefalea sono tra i più frequenti. Come tutte le condizioni di affaticamento i sintomi, seppur fastidiosi, si risolvono con il riposo.

Ben più grave, invece, è l’uso prolungato di smartphone nei bambini e negli adolescenti poiché è responsabile della miopizzazione dell’occhio che è una modifica irreversibile e progressiva della vista. Negli ultimi 10 anni si sta assistendo a una vera e propria epidemia di miopia la cui causa principale e l’enorme aumento dell’impegno visivo prolungato per vicino.
 

OPTIMA SALUTE, IL PIÙ DIFFUSO MENSILE DI SALUTE IN...

Nel numero di luglio-agosto 2019: Inserto Valore Salute - Osteoporosi e Terza Età. Dossier - Benvenuti al sole. Dalla A alla Zanzara. La valigia della salute. Le tendiniti di mano...

Meno tv e più colazione, la ricetta salvacuore

Meno tv e colazione più sostanziosa sono gli ingredienti di una ricetta salvacuore secondo due studi della Prima clinica di Cardiologia della Università nazionale capodistriana di...

Pasta a cena = sonni tranquilli

Mangiare la pasta a cena in Italia non è un'abitudine diffusa (la adotta solo il 35% dei nostri connazionali), forse a causa di convinzioni non sempre corrette sulla dieta. Ma in occasione...

Problemi di vista per metà degli over 75

Dalle miopie lievi alla cecità, i problemi agli occhi riguardano gran parte degli italiani. E mentre aumenta il numero di esigenze di riabilitazione visiva, calano i centri in cui effettuarla, ...

Il trucco c'è. Ma non si vede

Angiomi, cicatrici, solchi, tatuaggi, capillari, couperose e vitiligine: i consigli della make-up artist Simona Toni per mascherare le imperfezioni con “effetti speciali”.

Sogni d'oro con le favole di carta

Uno studio pubblicato dalla rivista Pediatrics, afferma che la qualità dell'interazione genitori-figli è più alta se la favola della buonanotte viene letta dal tradizionale libro ...

Integratori per malattie rare

"Cibo che cura" è il nome di una ricerca, curata dal Policlinico Gemelli di Roma, per la messa a punto di formulazioni nutrizionali per pazienti particolari o con malattie rare, in...

Cowash: capelli puliti senza shampoo

Capelli belli, puliti e lucidi, ma senza usare lo shampoo. Merito del cowash, l'ultima tendenza di beauty in arrivo dagli Stati Uniti, crasi di "conditioning only wash" ovvero lavare i...