Da Valore Salute


Da Google uno screening per il cancro al seno

Secondo uno studio anglo-americano pubblicato sulla rivista Nature, Google ha sviluppato un sistema di intelligenza artificiale in grado di aiutare i medici nel rilevare il cancro al seno. "Addestrata" con migliaia di mammografie di donne, questa intelligenza artificiale ha sviluppato un modello che sarebbe in grado di individuare i tumori e di ridurre i falsi positivi nei pazienti che non hanno il cancro. Nel Regno Unito, dove in genere due radiologi leggono una mammografia, il modello di Google potrebbe potenzialmente ridurre il carico di lavoro dell'88 per cento, anche se l'algoritmo non è ancora pronto per l'uso clinico. 

Optima Salute: in farmacia il numero di Luglio-Ago...

Nel numero di Luglio-Agosto 2020: Speciale Valore Salute: Smart Life: il lato positivo del lockdown. Dossier: Un'estate in mezzo alla Natura. Ipertensione & ipotensione. Consigli...

Screening oncologici post lockdown

Secondo uno studio di Nomisma, saranno quasi 4 milioni gli screening oncologici che dovranno essere effettuati entro dicembre per mettersi "in pari" dopo lo stop imposto dal lockdown. La...

L'importanza della sveglia

Vi sentite goffi al mattino? La tonalità della sveglia potrebbe fare la differenza. Almeno secondo quanto indicato dalla ricerca dell'australiana Rmit University, pubblicata sulla rivista Plos ...

Gli occhi non sono lo specchio dell'anima

Se pensavate che per capire una persona basta guardarla negli occhi, a quanto pare, vi sbagliavate. Secondo una ricerca dell'Ohio State University, infatti, le espressioni facciali non...

Un test del sangue per scovare i tumori

È straordinario il risultato riportato sugli Annals of Oncology e raggiunto dall'azienda statunitense US Oncology: un test del sangue in grado di individuare oltre 50 tumori in fase precoce,...

Nasce l'Istituto Italiano per la Salute Globale

Al giorno d'oggi le vittime della cattiva alimentazione sono più di quelle di droga, fumo e alcol messi insieme. Se a questo aggiungiamo il problema della sostenibilità e della crescita ...

Nel letargo degli orsi una risposta all'atrofia mu...

Il letargo degli orsi Grizzly potrebbe aiutare a trovare un sistema per prevenire l'atrofia muscolare degli esseri umani. A dirlo è uno studio pubblicato su Scientific Reports da un team di...

Meno sonno, più Alzheimer

Dormire poco o male, si sa, ha effetti negativi su tutto il nostro organismo, a partire dal sistema cardiovascolare e immunitario, fino al cervello. In occasione dell'ultimo Future of Health Summit...