Da Valore Salute


Nel letargo degli orsi una risposta all'atrofia muscolare

Il letargo degli orsi Grizzly potrebbe aiutare a trovare un sistema per prevenire l'atrofia muscolare degli esseri umani. A dirlo è uno studio pubblicato su Scientific Reports da un team di ricercatori coordinati dal Centro di medicina molecolare Max Delbrueck di Berlino. La ricerca ha analizzato come i muscoli dell'orso riescano a sopravvivere a mesi di letargo senza riscontrare danni o disturbi al risveglio. È emerso che alcune proteine influenzano fortemente il metabolismo degli aminoacidi e le cellule muscolari contengono quantità più elevate di alcuni aminoacidi non essenziali. In un confronto genetico tra orsi, topi e uomini (anche pazienti colpiti da atrofia muscolare), gli studiosi hanno notato l'azione di un particolare gruppo di geni. Tra questi, i geni Pdk4 e Serpinf1, che sono coinvolti nel metabolismo del glucosio e degli aminoacidi, e il gene Rora, che contribuisce allo sviluppo dei ritmi circadiani.

Optima Salute: in farmacia il numero di Giugno 202...

Nel numero di Giugno 2020: Speciale Valore Salute: Il nostro ritorno al futuro. Dossier: Pelle al sole. Le infiammazioni gengivali. Lombalgia, sciatica e colpo della strega. I 60...

Nasce l'Istituto Italiano per la Salute Globale

Al giorno d'oggi le vittime della cattiva alimentazione sono più di quelle di droga, fumo e alcol messi insieme. Se a questo aggiungiamo il problema della sostenibilità e della crescita ...

Meno sonno, più Alzheimer

Dormire poco o male, si sa, ha effetti negativi su tutto il nostro organismo, a partire dal sistema cardiovascolare e immunitario, fino al cervello. In occasione dell'ultimo Future of Health Summit...

Diabete 2: arriva un nuovo farmaco

Buone notizie per gli oltre 4 milioni di italiani con diabete tipo 2. È, infatti, ora disponibile anche in Italia, rimborsato dal Servizio Sanitario Nazionale, un farmaco di ultima...

Proteine: le raccomandazioni dei pediatri

Pur essendo un elemento essenziale nella crescita dei bambini, le proteine possono rappresentare anche un pericolo per l'organismo dei più piccoli, con complicanze a livello renale, modifiche...

Da Google uno screening per il cancro al seno

Secondo uno studio anglo-americano pubblicato sulla rivista Nature, Google ha sviluppato un sistema di intelligenza artificiale in grado di aiutare i medici nel rilevare il cancro al seno....

Sindromi da smartphone

L'eccessivo uso del telefonino, con la postura ricurva e gli occhi puntati sullo schermo, causa sempre più spesso un disturbo definito "Tech-neck", o sindrome da smartphone. Secondo...

La cervicalgia "colpisce" 6 italiani su 10

Il dolore al collo è un malessere sempre più diffuso, se è vero che ne soffrono sei italiani su 10 e che sono circa quindici i milioni di persone che si rivolgono a ortopedici,...