Da Valore Salute


Acidità di stomaco

E' causata da un’eccessiva produzione di acido cloridrico da parte delle ghiandole gastriche, non contrastata dall’azione fisiologica del muco gastrico. È un disturbo molto diffuso, sia a livello occasionale che cronico (causato da patologie come Malattia da Reflusso Gastro-Esofageo, Gastrite o Ulcere).

-    PERCHÉ PUÒ COMPARIRE L’ACIDITÀ DI STOMACO?
Come abbiamo accennato, l’iperacidità gastrica è una condizione acuta o cronica caratterizzata da una produzione eccessiva di acido gastrico. Ciò può provocare un’infiammazione della mucosa gastrica, con conseguente comparsa di bruciore avvertibile a livello retro-sternale. L’iperacidità gastrica può portare con sé alcuni sintomi:
•    Dolore durante la digestione e difficoltà a deglutire;
•    Bruciore di stomaco;
•    Eruttazioni acide;
•    Vomito di materiale acido.
 

-    COSA FARE PER CONTRASTARE L’ACIDITÀ DI STOMACO?
Per prevenire l’acidità di stomaco un aiuto importante viene dall’adozione di uno stile di vita sano e di un’alimentazione equilibrata. In particolare si consiglia di:
•    Non andare a dormire subito dopo mangiato, ma aspettare di aver digerito, per evitare che la posizione sdraiata favorisca la risalita e il ristagno dei succhi gastrici nell’esofago; può essere utile usare un cuscino in più per avere una posizione leggermente più eretta ed evitare il ristagno dei succhi gastrici durante la notte;
•    Fare attività fisica (ma non subito dopo mangiato), in modo da favorire la motilità gastrointestinale, evitare il sovrappeso e aiutare il processo digestivo;
•    Evitare l’eccesso di stress. Non è facile, date le nostre giornate frenetiche. Tuttavia, stress e nervosismo possono incidere negativamente sull’equilibrio dell’organismo, in particolare sul benessere gastrico.
•    Evitare cibi fritti, troppo pesanti (come carne rossa, salumi, insaccati) o acidi (come pomodori, kiwi, agrumi);
•    Avena, crusca, cereali integrali e riso sono alcuni degli alimenti indicati con l’acidità di stomaco.  Inoltre, la polvere di riso potrebbe essere d’aiuto, poiché contribuisce a tamponare l’acidità gastrica.
•    Evitare le bevande gassate e l’eccesso di alcolici, oltre al fumo. Queste cattive abitudini potrebbero contribuire a peggiorare la situazione della mucosa gastrica.
 

Optima Valore Salute in farmacia

Nel numero di Dicembre 2021/Gennaio 2022: Speciale Valore Salute: Anno nuovo, vita green. Dossier: Ma che freddo fa. Metabolismo, questo sconosciuto. È l'ora del tè....

Tumori cutanei: quanto ne sappiamo?

Una ricerca della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori ha evidenziato come le donne siano più attente degli uomini nella prevenzione del melanoma. Generalmente, pochi riconoscono il...

Anemia, c'è una nuova molecola

Buone notizie per i circa 2.000 italiani colpiti dalla beta-talassemia non trasfusione dipendente, caratterizzata da anemia congenita. Una nuova molecola, il luspatercept, si è dimostrata...

Ortopedia, ricostruzione in 3D

Due vertebre toraciche non contigue rimosse simultaneamente per riportare dritta la colonna vertebrale di una paziente in sedia a rotelle, a causa di una gravissima cifosi che determinava una curva...

1 bicchiere al giorno...

Un consumo quotidiano moderato di alcol (1 bicchiere per le donne e 2 per gli uomini) è stato associato ad un minor rischio di morire per malattie cardiovascolari rispetto a chi non beve o...

Cancro: l'importanza della prevenzione

In occasione del recente lancio del nuovo spot LILT, con protagonista l'attore Alessio Boni, il Presidente della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, Francesco Schittulli, ha ricordato come...

Intestino irritabile per 2 persone su 10

La Sindrome dell'intestino irritabile (IBS) colpisce circa 2 persone su 10 in Italia e nel mondo, in prevalenza donne e, recentemente, anche giovani adulti. Secondo uno studio pubblicato su Nature si ...

Combattere l'emicrania con lo stile di vita

Piccole modifiche comportamentali possono massimizzare gli effetti delle terapie per l'emicrania. Lo affermano i neurologi Licia Grazzi (Centro Cefalee dell'Istituto Neurologico Carlo Besta, Milano)...