Da Valore Salute


Incollati allo smartphone: è allarme vista!

D’estate aumenta il tempo in cui ci isoliamo dal mondo per informarci, chattare, prenotare un ristorante con gli occhi fissi sullo smartphone. Ore e ore sullo schermo che fanno male.  Lo ricorda Pasquale Troiano, primario di oculistica dell’Ospedale Sacra Famiglia Fatebenefratelli di Erba (Como): «se il soggetto ha un apparato visivo sano e perfettamente normale sul piano della motilità oculare e sul piano rifrattivo, non avrà alcun problema. Se, invece, il soggetto ha alterazioni dell’apparato visivo o della motilità oculare o della rifrazione che non sono stati individuati e corretti, allora ci saranno enormi problemi di affaticamento oculare» spiega l’esperto.

Aggiungendo, per l’estate, che «è sempre opportuno cercare di non prolungare l’osservazione per vicino facendo delle pause che non possono essere “smetto di usare il computer e uso il cellulare o viceversa”; la pausa deve prevedere la messa a riposo del sistema accomodativo (che essendo un sistema basato su muscoli è inevitabilmente destinato all’affaticamento) mediante lo spostamento della nostra osservazione a distanze superiori almeno a 3 metri (ancora meglio 6) come ad esempio guardare fuori da una finestra». L’astenopia è una sindrome caratterizzata da sintomi variegati che non si presentano sempre allo stesso modo in tutti i soggetti, tuttavia la irritabilità degli occhi e la cefalea sono tra i più frequenti. Come tutte le condizioni di affaticamento i sintomi, seppur fastidiosi, si risolvono con il riposo.

Ben più grave, invece, è l’uso prolungato di smartphone nei bambini e negli adolescenti poiché è responsabile della miopizzazione dell’occhio che è una modifica irreversibile e progressiva della vista. Negli ultimi 10 anni si sta assistendo a una vera e propria epidemia di miopia la cui causa principale e l’enorme aumento dell’impegno visivo prolungato per vicino.
 

Un nuovo test per distinguere le infezioni

Distinguere rapidamente un'infezione virale da un'infezione batterica è essenziale per capire come meglio intervenire. Da oggi è possibile grazie al nuovo test presentato dalla Prof.ssa ...

Diabete: cure smart

Sono oltre 3 milioni gli italiani che convivono con il diabete, il 5,3% dell'intera popolazione. Una malattia che richiede un monitoraggio costante, con riflessi negativi sulla qualità della...

Un test per smettere di fumare

Uno studio dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Pisa presentato in occasione del XIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Pneumologia (SIP), a Venezia, suggerisce per la prima...

Alzheimer? Dieta mediterranea

Una ricerca pubblicata su 'Translational Psychiatry' dimostra che chi segue la dieta mediterranea, particolarmente ricca di frutta, ha un ridotto accumulo di beta-amiloide nel cervello, proteina che...

Vaccino HPV anche per adulti

Negli USA l'FDA (Food and Drug Administration) ha approvato il vaccino per l'HPV (Papilloma Virus) anche per l'utilizzo su persone, sia maschi che femmine, tra i 27 e i 45 anni. La formulazione per...

A Londra curati dal medico virtuale

Nel Regno Unito il futuro sembra già essere arrivato. Il Sistema Sanitario Nazionale ha stipulato una convenzione con un'azienda privata per l'utilizzo (momentaneamente solo nell'area di...

Alimentazione e fertilità

Secondo una review pubblicata su "Fertility and Sterility" le donne che cercano una gravidanza dovrebbero aumentare il consumo di cereali integrali, acidi grassi omega 3, pesce e soia e...

Italiani leader... nel lavaggio delle mani

Ancora oggi lavare le mani, nel modo giusto, rimane uno degli interventi sanitari più efficaci e meno costosi per prevenire malattie infettive, anche nei Paesi più sviluppati. In...