Da Valore Salute


Acidità di stomaco

E' causata da un’eccessiva produzione di acido cloridrico da parte delle ghiandole gastriche, non contrastata dall’azione fisiologica del muco gastrico. È un disturbo molto diffuso, sia a livello occasionale che cronico (causato da patologie come Malattia da Reflusso Gastro-Esofageo, Gastrite o Ulcere).

-    PERCHÉ PUÒ COMPARIRE L’ACIDITÀ DI STOMACO?
Come abbiamo accennato, l’iperacidità gastrica è una condizione acuta o cronica caratterizzata da una produzione eccessiva di acido gastrico. Ciò può provocare un’infiammazione della mucosa gastrica, con conseguente comparsa di bruciore avvertibile a livello retro-sternale. L’iperacidità gastrica può portare con sé alcuni sintomi:
•    Dolore durante la digestione e difficoltà a deglutire;
•    Bruciore di stomaco;
•    Eruttazioni acide;
•    Vomito di materiale acido.
 

-    COSA FARE PER CONTRASTARE L’ACIDITÀ DI STOMACO?
Per prevenire l’acidità di stomaco un aiuto importante viene dall’adozione di uno stile di vita sano e di un’alimentazione equilibrata. In particolare si consiglia di:
•    Non andare a dormire subito dopo mangiato, ma aspettare di aver digerito, per evitare che la posizione sdraiata favorisca la risalita e il ristagno dei succhi gastrici nell’esofago; può essere utile usare un cuscino in più per avere una posizione leggermente più eretta ed evitare il ristagno dei succhi gastrici durante la notte;
•    Fare attività fisica (ma non subito dopo mangiato), in modo da favorire la motilità gastrointestinale, evitare il sovrappeso e aiutare il processo digestivo;
•    Evitare l’eccesso di stress. Non è facile, date le nostre giornate frenetiche. Tuttavia, stress e nervosismo possono incidere negativamente sull’equilibrio dell’organismo, in particolare sul benessere gastrico.
•    Evitare cibi fritti, troppo pesanti (come carne rossa, salumi, insaccati) o acidi (come pomodori, kiwi, agrumi);
•    Avena, crusca, cereali integrali e riso sono alcuni degli alimenti indicati con l’acidità di stomaco.  Inoltre, la polvere di riso potrebbe essere d’aiuto, poiché contribuisce a tamponare l’acidità gastrica.
•    Evitare le bevande gassate e l’eccesso di alcolici, oltre al fumo. Queste cattive abitudini potrebbero contribuire a peggiorare la situazione della mucosa gastrica.
 

L'intelligenza artificiale per gli impianti dental...

L'intelligenza artificiale può essere impiegata anche per prevedere l'efficacia della terapia per la perimplantite, una malattia molto diffusa, simile alla parodontite, che può portare...

Google diagnostica 288 malattie

Dermatology Assist di Google è un nuovo strumento diagnostico capace di riconoscere e diagnosticare 288 malattie di pelle, capelli e unghie, solo da una foto caricata sulla app e qualche...

L'Alzheimer nel sangue

Ad oggi la procedura clinica standard per diagnosticare l'Alzheimer prevede un prelievo invasivo di liquido cerebrospinale a livello lombare per rilevare livelli anomali di specifiche proteine. Il...

Mini-cuori da laboratorio

Grazie al lavoro dei ricercatori dell'Istituto di biotecnologia molecolare dell'Accademia delle scienze austriaca (Imba), coordinati da Sasha Mendjan, sono stati creati dei cuori in miniatura che...

Più PC, più secchezza oculare

Secondo gli esperti dell'AIMO (Associazione Italiana Medici Oculisti), l'occhio secco è una delle principali richieste per una visita oculistica. Si tratta, infatti, di una condizione molto...

Bere latte non aumenta il colesterolo

Il consumo regolare di latte non è associato con livelli aumentati di colesterolo. Non rappresenta, quindi, un problema significativo per quanto riguarda il rischio di malattie cardiovascolari ...

#sereninsieme contro le malattie renali

Ricevere una diagnosi di malattia renale può essere una sfida, sia per il paziente che per le persone che lo circondano. La Fondazione italiana del rene (Fir Onlus) e la Società...